Cipermetrina

Natura chimica della cipermetrina

La cipermetrina è un composto piretroide sintetico che allo stato puro presenta un aspetto di pasta gommosa di colore giallo. Esposto alla luce presenta una buona stabilità chimica (fotostabilità), che le permette di mantenere nel tempo le sue proprietà principali. La denominazione di piretroide fa risalire l'appartenenza della cipermetrina alla famiglia di insetticidi a base di piretro, ossia un composto naturale che si estrae dalla pianta Tanacetum cinerariifolium.

Valore economico della cipermetrina pura

Il processo produttivo industriale della cipermetrina pura risulta relativamente economico, motivo per cui tutti i prodotti contenenti questo principio attivo presentano un prezzo di mercato largamente accessibile rispetto ad altre tipologie di insetticidi. Il rapposto qualità/prezzo rappresenta infatti uno degli aspetti di maggior interesse di questo prodotto contro gli insetti.

All'interno dei formulati commerciali la cipermetrina non necessità in genere di solventi derivati dal petrolio, contribuendo ulteriormente alla riduzione dei costi di produzione e al mantenimento di un elevato grado di salubrità degli eccipienti.

Attività insetticida della cipermetrina

La cipermetrina si caratterizza per la sua potente azione insetticida, la quale agisce sul sistema nervoso dell'insetto, bloccandolo completamente ed impedendo in tal modo la trasmissione degli impulsi nervosi. L'insetto investito da cipermetrina è quindi paralizzato ed incapace di svolgere qualsiasi attività. Dal punto di vista quantitativo, questa molecola è presente all'interno dei formulati commerciali in percentuali diverse da 1,5% fino al 10%, in funzione delle specifiche applicazioni a cui sono destinati i diversi prodotti.
L'azione insetticida della cipermetrina è anche descritta sovente con il termine di stanante, in quanto è in grado di colpire gli insetti anche quando questi sono meno raggiungibili all'interno delle loro tane.

 

Impiego domestico della cipermetrina ed effetti sull'uomo

I prodotti insetticidi a base di cipermetrina sono prevalentemente impiegati come disinfestanti contro mosche, zanzare, blatte ed altri insetti che provocano danni o disagi in ambito domestico. Il loro utilizzo nel medesimo ambiente in cui vive l'uomo è reso possibile dalla moderata tossicità del principio attivo, riscontrabile esclusivamente se assunto per via dermale (attraverso la pelle) o per ingestione. Il contatto prolungato con la pelle umana di prodotti a base di cipermetrina può provocare reazioni allergiche di lieve entità a decorso benigno.

La forma fisica più diffusa dei composti a base di cipermetrina utilizzati nelle abitazioni è quella gassosa, contenuta all'interno di bombolette spray e spesse volte anche in associazione con un altro piretroide sintetico con potere insetticida: la tetrametrina.

Impiego industriale della cipermetrina

L'elevata economicità sul mercato della cipermetrina pura rende questa molecola conveniente anche per somministrazioni disinfestanti estensive come quelle praticate in ambito agricolo per la difesa fitopatologica delle colture erbacce e arboree. Molto comune è l'impiego della cipermetrina contro lo stadio larvale di numerosi parassiti vegetali, quali la piralide del mais e gli insetti minatori delle piante da frutto.

Un altro aspetto molto importante che favorisce l'uso di questa sostanza nell'ambiente aperto riguarda la sua bassa tossicità nei confronti degli organismi superiori, come citato nel capito precedente in merito all'uomo, nonché totale innocuità per gli organismi vegetali. Al riguardo, è stata riscontrata una più lenta capacità di metabolizzazione del principio attivo da parte dei pesci che, per questa ragione, manifestano minor tolleranza al piretroide.

Permanenza della cipermetrina nel suolo

Nei terreni sabbiosi è stata valutata una permanenza della cipermetrina (emivita) pari a 2,5 settimane, mentre nei terreni argillosi questo intervallo aumenta sensibilmente. Anche la presenza di sostanza organica nel suolo condiziona l'emivita di questa molecola nell'ambiente in maniera direttamente proporzionale.