cimici del letto
Secondo alcune ricerche recenti, le cimici del letto stanno aumentando in modo esponenziale nelle case degli italiani.
Il fenomeno non è una causa della scarsa pulizia, come erroneamente si potrebbe pensare, bensì avviene perché le cimici sono sempre esistite e esisteranno sempre e si possono portare in casa attraverso gli indumenti o i mobili. Negli anni 50, l'infestazione da cimici del letto era molto diffusa ma anche oggi ci sono persone di ogni ceto sociale, che afflitte da questo problema, navigano sul web per cercare prodotti idonei alla disinfestazione di questi parassiti.
Anche se un infestazione di cimici del letto è una cosa che spaventa, i parassiti non sono portatori di malattie.

Che cos'è la cimice del letto

La cimice del letto che in modo più tecnico viene definita 'Cimex Lectularius', è un insetto ematofago, ossia vive nutrendosi di sangue.
La dimensione di una cimice da letto di sesso femminile è di circa 6/8 millimetri e il suo colore è chiarissimo se giovane, ma si avvicina al rossiccio in età adulta.
Il ciclo di vita delle cimici del letto è di circa sei mesi ma se riescono a nutrirsi adeguatamente, gli insetti vivono oltre l'anno.
La cimice femmina depone da 1 a 5 uova al giorno e in tutto l'arco della sua esistenza, arriva a deporre ben 500 uova. Ogni uovo si schiude entro 9 giorni e in poco più di un mese, l'insetto diventa adulto dopo aver subito diverse variazioni. La particolarità di questi insetti è che tra un passaggio da una muta all'altra, devono pungere.
L'obbligo della puntura deriva dal fatto che le cimici del letto hanno bisogno di nutrirsi di sangue per sopravvivere e non solo di quello umano ma anche animale, quindi, possono pungere anche mammiferi e volatili, tanto è vero che anche gli uccellini che si tengono in gabbia e gli animali domestici possono diventare loro preda.
Le cimici del letto non sono amanti della luce ed agiscono solo nelle ore notturne perché attirate dal calore corporeo.
L'infestazione si propaga rapidamente perché la femmina di cimice del letto dopo la fecondazione, non ama stare accanto alla cimice maschio e cerca di annidarsi nei posti più caldi e nascosti, al contrario dei maschi, che vanno alla ricerca di nuove femmine da fecondare.
La puntura della cimice del letto non è dolorosa perché la sostanza che iniettano contiene una parte di anticoagulante e una di anestetico e per tale motivo, spesso passa inosservata e lascia solo un intenso prurito attribuito ad altre ragioni.

Dove si annidano le cimici del letto

Le cimici del letto amano annidarsi tra gli indumenti, nelle coperte piegate o quelle stese sul letto, nei meandri di materassi e cuscini, tra le pieghe delle tende, nella moquette, nei battiscopa, nei mobili, nelle crepe del muro e nei quadri elettrici. Un altro dei luoghi preferiti delle cimici del letto sono le superfici ruvide come quelle cartonate.
Per ciò che concerne i luoghi pubblici, le cimici del letto possono annidarsi in quei posti dove c'è la permanenza di persone che dormono come i treni, i caravan o i traghetti.

Come si riconosce un'infestazione

L'infestazione delle cimici da letto non è affatto facile da riconoscere anche perché quando si viene punti da uno di questi insetti, difficilmente ci si rende conto che la puntura deriva da una cimice ma si pensa piuttosto, alle zanzare o ad altre tipologie di insetti volanti.
La puntura della cimice del letto non avviene in una sola volta, ma l'insetto dopo aver succhiato parte del sangue di cui ha bisogno, si sposta facilmente in un'altra zona del corpo per continuare il suo pasto.
Nella stragrande maggioranza dei casi, si formano delle minuscole papule sulla pelle che provocano un prurito molto più intenso del morso delle zanzare.

Cosa fare per debellare le cimici del letto

E' chiaro che se ci si accorge che c'è una seria infestazione di cimici del letto occorre interpellare una ditta specializzata ma si può provare anche autonomamente a cercare di debellare gli insetti, anche se non è una cosa semplicissima. Per prima cosa bisogna svuotare gli armadi, sanificarli con prodotti igienizzanti e lavare tutti gli indumenti a 60 gradi.
Con l'aiuto di un elettrodomestico che emana vapore, bisogna trattare tutte le superfici che presentano crepe o fessure, gli stipiti delle porte, i battiscopa, i materassi ed i cuscini. Se ci sono scatoli contenenti abbigliamento, borse o scarpe, vanno liberati e gettati via, igienizzando gli accessori con il vapore e lavando a 60 gradi gli indumenti. Anche le tende vanno trattate con il vapore a 100 gradi o lavate.

Quali prodotti usare

I primi prodotti a cui pensare sono le trappole cattura cimici che possono essere di due tipologie.
Il primo tipo di trappola sfrutta il fatto che gli insetti vanno ad annidarsi nelle zone buie e nei nascondigli sicuri e deve essere lasciato nel medesimo posto per 40 giorni.
La seconda trappola invece contiene una sostanza attrattiva per le cimici del letto e simula l'anidride carbonica identica a quella che emette il corpo umano durante il sonno.
Le cimici attratte da questa sostanza, vanno nella trappola dove rimarranno attaccate su una striscia collante.
Quest'ultima tipologia di trappola ha la durata di 24 ore.
Ci sono alcuni insetticida liquidi concentrati che vanno allungati secondo la percentuale indicata nella scheda tecnica e poi messi in uno spruzzino ed erogati sotto il letto, negli angoli delle stanze,nelle crepe e nelle fessure e dietro gli armadi.
Prodotti del genere hanno una elevata azione snidante e abbattente.
Un ottimo prodotto da usare per prevenire l'infestazione delle cimici del letto è Protect a bed.